Lo specchio: dove inizia la magia
Lo specchio: dove inizia la magia

Nell’approccio sistemico, alcune terapie, previo consenso dei pazienti, vengono seguiti da un’Equipe (costituita da Psicologi e Psicoterapeuti) che partecipa alla seduta aldilà di uno specchio unidirezionale.

Questo il delicato racconto dell’esperienza di una giovane collega che ci connette alla magia del cambiamento.

La prima volta che ho visto la stanza con “il grande specchio” ero dalla parte opposta. Avrò avuto 14 anni e fu mia madre a portarmi per essere certa che non stessi soffrendo per il clima che si respirava a casa.

Sono passati 20 anni. La vita mi ha portato in tante stanze, mai più in quella, fino ad una settimana fa. Questa volta dalla parte opposta. Questa volta dalla parte di quelli di cui un tempo avevo timore. Questa volta con uno scopo diverso, non più essere guarita, ma guarire, non più essere accolta, ma accogliere, non più essere aiutata, ma aiutare, non più essere ascoltata, ma ascoltare.

Mi sono avvicinata a quella stanza con un misto di eccitazione, timore, ansia, felicità, curiosità.

Ho osservato diverse storie, diverse paure. Mi sono rivista in coloro che guardavano lo specchio spaventati, guardinghi. Ho sentito le loro emozioni sulla mia pelle, ho riso con loro, mi sono commossa con loro, ho sperato con loro.

E finalmente ho compreso qual’ è il grande potere dello specchio: lo specchio ci consente di “riflettere” su noi stessi, di rispecchiarci con chi è dall’una e dall’altra parte di questo strumento.

Lo specchio veicola emozioni, mette a nudo, e ci restituisce un’immagine di noi, vera, pura, cruda.

Ci fa sentire parte di un tutto, di un processo di guarigione, di svelamento.

Ed ora, ho la consapevolezza, che non c’è nessuna differenza. Non conta stare dall’una o dall’altra parte, conta esserci, davvero, con la mente, con il cuore, con il corpo, conta mettersi in gioco e ricordarsi di dimenticare tutte le proprie certezze, per permettere alla magia di divenire.

Dott.ssa Roberta De Angelis

roberta-deangelis@libero.it

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *